cliccare sull'immagine

Stupro, arma di guerra (2011)

Azione 6 giugno 2011 Luisa Betti  La SlutWalk, ovvero la marcia delle puttane, arriva in Europa il 4 giugno con un doppio appuntamento a Londra e ad Amsterdam dopo aver attraversato Canada, Usa, Australia, Europa, Argentina e Kirghizistan. L’ondata d’indignazione contro il binomio stupro=abbigliamento da puttane, nasce a gennaio dopo che alcune ragazze che avevano…

cliccare sull'immagine

L’anima nera dell’Africa (2011)

Azione 6 luglio 2011 – Luisa Betti Era il 1976 e Susan Brownmiller, autrice di uno dei primi manifesti sulla violenza di genere (Contro la nostra volontà. Uomini, donne e violenza sessuale),scriveva: “La difesa delle donne è stata fin dalla notte dei tempi un simbolo dell’orgoglio maschile, così come il possesso delle donne è stato…

cliccare sull'immagine

Donne stuprate in Siria. L’Islam apre il dibattito (2012)

Azione 03/set/2012 – Luisa Betti Guerra civile Gli abusi sessuali stanno diventando uno degli aspetti più drammatici della repressione condotta dal regime siriano. I morti in Siria, dall’inizio della rivolta a marzo dell’anno scorso, sono arrivati a 20 mila, tra cui, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, si conterebbero 13’978 civili, 5082 membri dell’esercito, e…

cliccare sull'immagine

Sulle donne la violenza della giustizia (2012)

Azione – 29-10-2012 – Luisa Betti Rapporto Amnesty International accusa il governo della Colombia di non aver fatto concreti passi avanti per portare di fronte alla giustizia i responsabili dei crimini sessuali legati al conflitto armato. A Oslo il 17 ottobre sono iniziati i colloqui di pace tra governo colombiano e Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC),…

2d20c0f4d1-1

Donne senza pace (2010)

IL MANIFESTO – 08.12.2010 LUISA BETTI A dieci anni dalla Risoluzione 1325 delle Nazioni unite, che fine hanno fatto “Donne, pace e sicurezza”? Votata all’unanimità dal Consiglio di sicurezza, solo pochissimi paesi hanno cercato di metterla in atto. E l’Italia? Qualche anno fa, mentre ero a Damasco, migliaia di profughi iracheni scappavano dalla guerra che imperversava…

La violenza non è un passepartout (DL femminicidio II parte)

Mentre sui giornali appaiono notizie di arresti in flagranza per violenza domestica grazie al decreto legge sul femminicidio (n.93/2013), come se fosse spuntata la bacchetta magica in mano a uno Stato incapace di affrontare il problema, continuano le critiche argomentate verso il DL di ferragosto che però, guarda caso, non hanno uno spazio mediatico adeguato, almeno…