Langone: se l’uomo uccide la “puttana” che ama

Anarkikka, il personaggio di Stefania Spanò (da cui sbirciare il mondo)

Facciamo un passo indietro. Daniele Ughetto Piampaschet, di Giaveno (Torino), 34 anni, è l’uomo che è stato fermato e arrestato dai carabinieri qualche giorno fa per l’omicidio di Anthonia Egbuna, 20 anni, giovane prostituta nigeriana, il cui corpo è stato ritrovato il 26 febbraio scorso vicino a una diga sul fiume Po, a San Mauro Torinese. “Secondo l’accusa sarebbe stato lui a gettarla nel fiume a conclusione di una tormenta relazione”, ha scritto il Corriere della sera nella ricostruzione dei fatti, perché si dà anche il caso che Daniele Ughetto Piampaschet abbia raccontato esattamente la stessa storia nel suo libro “La rosa e il leone” in cui descrive una prostituta nigeriana che ha una relazione con un italiano e che alla fine viene uccisa dall’uomo perché deluso. Per questo Daniele Ughetto Piampaschet è stato fermato e interrogato dal pm Sandro Destito che ne ha chiesto l’arresto “per omicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere”. “L’autopsia ha accertato – scrive il Corsera – che il decesso è avvenuto a seguito di numerose e profonde ferite da arma da punta o taglio inferte al capo, al collo e alle mani, alcune delle quali erano, senza alcun dubbio, ferite da difesa. La donna ha lottato per sottrarsi al suo aguzzino che dopo averla uccisa l’ha scaraventata nel fiume. A suo tempo il medico legale aveva accertato che la morte risaliva ad almeno 3-4 settimane prima del ritrovamento del cadavere. E questo ha reso particolarmente laborioso il riconoscimento delle impronte”. Daniele Ughetto Piampaschet era poi partito per Londra, ma è bastato un suo breve rientro in Italia per essere fermato. TM News scrive che “I due si erano conosciuti nel febbraio 2011, iniziando una stretta relazione. L’uomo aveva da tempo una profonda passione per l’Africa, in particolar modo per la Nigeria e per il suo popolo, e frequentava in Italia il mondo della prostituzione nigeriana, tutti elementi che ricorrono nel suo racconto La rosa e il leone”. Per gli investigatori Anthonia Egbuna aveva deciso di troncare con Daniele alla fine di agosto 2011 e in novembre si registra l’ultima conversazione telefonica tra i due. Se questo fosse il movente di questo omicidio, come pare, saremmo dunque davanti a un femminicidio in piena regola (siamo quasi a 100 dall’inizio dell’anno in Italia), dove il presunto assassino avrebbe ucciso la giovane per l’ennesimo “no” della donna che ha scatenato non il raptus, non la passione, ma la violenza omicida dell’uomo che, perso il possesso e il controllo sulla donna (e non su se stesso), l’ha eliminata fisicamente e in maniera cruenta, portandosi l’arma con sé all’incontro.

Sul femminicidio di Egbuna, oltre ai diversi articoli di cronaca, non ha fermato la sua penna il giornalista Camillo Langone, che mesi fa fece già scalpore con un altro articolo – criticato su questo blog – e pubblicato su “Libero”, in cui sosteneva che siccome le donne non fanno più figli perché studiano e vanno a scuola, la cosa si poteva risolvere facendo stare le stesse a casa. Questa volta però Langone sul Foglio fa qualcosa di più: in quattro righe ricalca e sostiene il peggio degli stereotipi riguardo le donne e il corpo femminile. Primo tra tutti – e più grave in un momento in cui in Italia vengono uccise una donna ogni tre giorni – quello del delitto passionale per cui la ragazza, che il giornalista chiama “puttana”, sarebbe stata uccisa “per amore”: un attenuante (come lo era per il delitto d’onore in Italia fino al 1981) per cui Langone chiede che “venga comminata una pena mite perché chiaramente aveva perso la testa”, invocando una preghiera “per tutti noi maschi che al buio non capiamo più niente”. Una carità cristiana nei confronti di un presunto assassino che ha come retroterra culturale l’arcaica convinzione che se un uomo uccide la partner il reato è meno grave e che quindi la violenza all’interno di una relazione intima sia più accettabile. Figuriamoci se poi riguarda delle “puttane” e per giunta “negre”, come le chiama lui.

Forse però Langone ignora che la forma di femminicidio che accomuna tutte le donne del mondo, al di là del colore della pelle e al di là del loro mestiere, è proprio l’uccisione nell’ambito della relazione d’intimità (che è il 70% in Europa). Ignora poi sicuramente che la stessa relatrice speciale dell’Onu, Rashida Manjoo, ha fatto notare a Ginevra –  il 25 giugno 2012 durante la 20a sessione dei Diritti Umani delle Nazioni Unite – “una certa ipocrisia in chi continua a definire gli omicidi basati sul genere come delitti passionali in Occidente e delitti d’onore a Oriente”, in quanto, qualsiasi sia la forma in cui si manifestino, “Non si tratta di incidenti isolati che accadono all’improvviso, inaspettati, ma rappresentano piuttosto l’ultimo atto di un continuum di violenza”. Una ignoranza dei giornalisti che l’Onu sottolinea nel suo “Rapporto tematico sul femminicidio”, condannando i media che spesso, nel riportare delle uccisioni di donne, “hanno perpetuato stereotipi e pregiudizi”, una condanna cui l’articolo di Langone – e non è il solo – non si sottrae ma ne è grave esempio.

Detto ciò, ma non contento, il giornalista sul Foglio conclude la sua preghiera chiamando queste donne “negre” ma anche “battone” e “baldracche”, e sostenendo poi che tu, uomo che perdi la testa per una così di notte, poi te “la porteresti a pranzo nel tuo ristorante abituale? O da tua mamma?”. Non so le sue abitudini personali, ma Camillo Langone è un giornalista e Il Foglio è il giornale che ha pubblicato questo pezzo “di riflessione”, e anche qui (ma non mi stupisco) direttori e caporedattori silenti e quindi consenzienti: forse l’Ordine dei giornalisti potrebbe farsi sentire?

 

La “preghiera” di Camillo Langone sul Foglio

9 pensieri su “Langone: se l’uomo uccide la “puttana” che ama

  1. Non e’ il primo articolo rivoltante di Langone, e non sara’ nemmeno l’ultimo. Quello delle donne che non dovrebbero andare a scuola e’ stato gia’ ricordato da Luisa Betti; inoltre a Langone in quell’articolo non stavano a cuore i bambini, ma solo il fatto che l’Italia non venisse fagocitata dagli immigrati, quindi meglio rendere analfabeit le italiane piuttosto che scomparire sotto il peso degli analfabeti extracomunitari (dice Langone).
    E non dimenticatevi che quell’uomo e’ il “Muso” ispiratore di “Sposati e sii sottomessa”!http://costanzamiriano.com/

  2. In realtà la preghiera di Camillo Langone è condivisibile, a parte l’uso di termini che alcuni potranno non risultare politically correct. Si può non condividere la regola di evitare di passare la notte con qualcuno con il quale ci si vergognerebbe di passare il giorno? Sarebbe una grande regola di civiltà, si eviterebbero possibili violenze (in fondo le prostitute sono piu’ a rischio perchè di loro alla società importa poco di loro) e trasmissione di malattie anche ai familiari. Perchè questa regola non viene insegnata sempre all’interno delle famiglie ed a scuola.

  3. Quello che scrive Langone è veramente disgustoso. Le poche righe riportate lo qualificano come riferente di una cultura schifosamente razzista e classista. E io non sono affatto di sinistra, tengo a sottolineare. Credo che molti omicidi richiedano analisi approfondite prima di esprimere giudizi ad oltranza. Il tutto potrebbe valere anche per questo fatto, come per tanti altri. Ma non certo nei termini espressi da Langone, le cui giustificazioni stanno proprio dove non dovrebbero: nella differenza sociale. Inoltre la volgarità delle sue espressioni è evidentemente orientata a porre enfasi sulle differenze sociali, quasi a tratteggiare dove realmente sta, secondo lui, la ragione della violenza omicida. Devo riconoscere che quelle poche righe mi hanno fatto davvero rabbrividire.

  4. Posto che Langone mi dà molto fastidio per la sua mentalità già espressa in altre occasioni su altri temi, a mio avviso questa volta non avete capito cos’ha scritto.
    Personalmente sono d’accordo con lui sul fatto che “mai passar la notte con qualcuno con cui ti vergogneresti di passare il giorno”, e questo vale per tutti: uomini e donne, di qualunque colore o fede e qualunque lavoro facciano.
    Vale anche per quella donna che una sera mi disse: “Non voglio far l’amore con te perché domattina mi sveglierei con un disoccupato”. Chiaro? Aveva ragione: se si vergognava di me, ha fatto bene a non stare con me. Che intanto ora il lavoro ce l’ho, e lei no, ma la vita – si sa – è una ruota.

    Poi è ovvio che Langone sbaglia di grosso a usare i vari termini “negre”, “battone”, “baldracche” (“i” trans, però, va bene? No. “Lapdancer”, però, va bene?).

    Spero di non innamorarmi mai di una persona come Langone, ma nemmeno di una prostituta. Scusate, ma non voglio altre situazioni difficili nella mia vita dopo quelle che mi sono già capitate.

  5. Comunque proporre una pena mite per un abbietto assassinio di una giovane donna africana, premeditato perché preannunciato in uno scritto-spazzatura autografo, dà il voltastomaco.

    Se per farsi pubblicità la stampa italiana è ridotta a questi trucchetti, o a volgare prezzolata istigazione alla immigrazione di masse arcaiche che ci trasformeranno in un inferno plebeo dominato da una elite inquinata da narcos e fascisti, allora stiamo andando in discesa.

  6. Lo sballo da degenerazione e’ insito nell’ essere umano : alcuni vanno a prostitute … altri scrivono “riflessioni” su “Il Foglio” …

  7. Quando si pensa alle donne come oggetto e non soggetto è ovvio pensare che l’oggetto lo si possiede, lo si può rompere, lo si butta via a piacimento, se è sconveniente lo si usa e lo si nasconde. Direi, parafrasando: “meglio Battone che Langone”, ma non vorrei essere volgare scrivendo Langone!

  8. ciò che rende infame l’articolo in questione non sta tanto nella scelta delle parole nè nel fatto che parli di “omicidio per amore” (ma capisco che in Italia, in questo momento dia fastidio), ciò che Langone afferma è che amare una prostituta è più grave che ucciderla e questo è rivoltante molto più di qualsiasi scelta terminologica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...