Una, dieci, cento fiaccole per Stefania Noce

Stefania Noce

Gli appuntamenti del 26 gennaio per ricordare Stefania Noce, la ragazza siciliana di 24 anni uccisa dall’ex fidanzato il 26 dicembre 2011 e tutti femmicidi che si susseguono a cascata in Italia.

da giulia.globalist.it

Da Catania l’appello: accendiamo migliaia di fiaccole per Stefania Noce e tutte le altre donne
26 gennaio Facoltà di Lettere e Filosofia di Catania – Monastero dei Benedettini – AULA 2 – ore 16,30 assemblea – ore 18,00 inizio fiaccolata
Alla fine delle fiaccolata, in p.zza Università, verranno letti i nomi delle donne vittime di omicidio di genere del 2011 e del 2012
.
Le donne del gruppo Le Voltapagina e Snoq Catania propongono un’iniziativa per il 26 gennaio 2012 per ricordare l’assurda morte di Stefania Noce e di tutte le altre donne vittime della violenza maschile. Non possiamo accettare che queste violenze siano dimenticate e relegate tra gli effetti della ‘follia umana’. Abbiamo pensato ad una assemblea aperta da tenere presso la facoltà di Lettere di Catania, seguita da una fiaccolata per le vie V. Emanuele, p.zza Duomo, fino a p.zza Università. Chiediamo la partecipazione di tutti i gruppi e le organizzazioni attive nel nostro territorio affinché la morte di Stefania non venga relegata tre le colonne di cronaca nera di quotidiani incapaci anche loro di riconoscere che la violenza sulle donne e il sessismo sono una questione sociale e politica e come tale deve essere affrontata e discussa.
Chiediamo a tutti i comitati sul territorio nazionale di accendere una, dieci, cento fiaccole alle 18,00 del 26 gennaio.

Riempiamo di luce le nostre piazze (SNOQ Milano)
Se Non Ora Quando Milano aderisce, nell’ambito delle iniziative che si terranno in varie città d’Italia il prossimo 26 gennaio, alla fiaccolata contro la violenza sulle donne promossa dal Comitato Se Non Ora Quando di Catania in ricordo di Stefania Noce, 23enne attivista per i diritti delle donne, barbaramente uccisa dal suo ex fidanzato. Stefania partecipava alle iniziative del comitato catanese ed era attiva nel movimento delle donne e in quello degli studenti universitari di Catania.
A Milano l’appuntamento sarà alle ore 18.30 di giovedì 26 gennaio in Piazza Mercanti per una veglia commemorativa.
L’obiettivo è portare all’attenzione della politica, dei media e dell’opinione pubblica quella che a tutti gli effetti ha ormai i numeri e le caratteristiche di un’intollerabile emergenza sociale.
Rapporti e ricerche internazionali ci informano già da diversi anni che l’aggressività maschile è la prima causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni in tutto il mondo, e che tale violenza si consuma soprattutto tra le pareti domestiche.
La mano che si arma contro una donna è quella di un marito, di un amante, di un padre, di un fratello, talvolta persino di un figlio. Le cause: una separazione, aspettative disattese, equilibri familiari che si vanno modificando, affermazione di ruoli e poteri che si crede minacciati. Nei giorni in cui il Consiglio regionale della Lombardia discute quattro diversi progetti di legge per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere e sui minori, ci sembra assolutamente doveroso riportare il tema della violenza di genere al centro del dibattito pubblico – anche per evitare che la coalizione di maggioranza risolva tutto sempre nello stesso modo, familistico e di “tutela” prima ancora che di prevenzione -, perché non resti un fatto privato o un fatto di cronaca.
Invitiamo tutte/i a portare una candela!
Comitato Se Non Ora Quando Milano

Fiaccolata contro la violenza a Roma (Affi)
L’AFFI Associazione Federativa Femminista Internazionale, invita tutte alla fiaccolata del 26 -1-2012- ore 19,00 a Roma Piazza Santi Apostoli, indetta da Se Non Ora Quando.
La fiaccolata, contro la violenza sulle donne che si svolge in contemporanea in molte città italiane, è l’ennesima manifestazione che siamo costrette a fare contro la violenza sulle donne.
Stefania Noce, la studente, la femminista catanese 23 enne, uccisa dal suo fidanzato è l’ultima vittima del 2011 di una lunga catena di femminicidi che anno dopo anno, in Italia, vedono una donna assassinata ogni 3 giorni.
Vorremmo un mondo in cui non fossimo costrette a manifestazioni come queste.
Movente Criminale non movente Passionale
Uomini che odiano le donne, le uccidono, le violentano, le gettano tra i rifiuti, le sgozzano, tornano a casa tranquilli, dormono, mentono, depistano le indagini, e, una volta scoperti, vengono coperti da certa stampa con la scusa della ” passione” , della “gelosia” persino dell’Amore.
Il 2011 si è chiuso con il femminicidio di Stefania, il 2012 si apre con il femminicidio di Antonella Riotino, sgozzata dal “fidanzato”, prima strangolata e poi fatta rotolare in una scarpata.
Quanto “amore” c’è in questi gesti?
Quanto”amore” c’è in chi esce da casa con un coltello da cucina in tasca? Cosa altro c’è se non odio profondo, rancore, inimicizia?
Verso la “sua” donna, verso LE DONNE?
Una donna ogni tre giorni in Italia viene uccisa da mariti, fidanzati, compagni, amanti, padri, fratelli, amici. Quante altre donne , mogli, fidanzate, amiche , compagne, figlie dovranno essere uccise prima che questa strage – il femminicidio – venga riconosciuto nella sua gravità e dimensione sociale e assuma il rilievo di un fatto politico?
Presidenza Affi
Edda Billi e Irene Giacobbe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...