La bussola della violenza domestica

Ecco una bussola della violenza domestica (da www.turningpointservices.org)

 

Molto interessante il capitolo Miti e Fatti

MITO: La violenza domestica è una “perdita di controllo”.
FATTO: I comportamenti violenti sono una scelta. I responsabili lo usano per controllare le loro vittime. La violenza domestica è l’uso della violenza per mantenere il controllo, non è la perdita del loro controllo. Le azioni sono scelte deliberatamente.
MITO:  La vittima è responsabile della violenza perché è lei che lo provoca.
FATTO:  Nessuno chiede di essere maltrattato. E nessuno merita di essere abusato indipendentemente da quello che dice o fa.
MITO:  Se alla vittima non fosse piaciuta la situazione, lo avrebbe lasciato.
FATTO: Alle vittime non piace essere abusate. Rimangono nel rapporto per molte ragioni, tra cui la paura.
MITO:  La violenza domestica si verifica solo in una piccola percentuale delle relazioni intime.
FATTO:  Le stime riportano che la violenza domestica avviene in ⅓ di tutte le relazioni intime. Questo vale sia per quelle eterosessuali e che per le relazioni omosessuali. 
MITO:  Le donne della classe abbiente non subiscono violenza così frequentemente come le donne povere.
FATTO:  La violenza domestica si verifica in tutti i livelli socio-economico. La verità è che le donne ricche hanno più accesso a risorse private per cercare aiuto, le donne più povere tendono a utilizzare i servizi sociali e quindi sono più visibili.
MITO:  Chi picchia è violento in tutte le relazioni.
FATTO:  Chi picchia sceglie di essere violento nei confronti del partner con modalità che non penserebbe mai di usare con altre persone. 
MITO:  L’alcol e la droga sono causa di un comportamento distorto e violento.
FATTO:  Anche se molti partner violenti fanno anche abuso di alcool e/o droghe, questa non è la causa di fondo della violenza.     Molte volte chi usa violenza fisica sul partner usa alcol e droghe come una scusa per spiegare la violenza.
MITO:  Una volta che una donna è stata maltrattata, abusata e picchiata, sarà sempre vittima di violenza.
FATTO:  Se è vero che alcune donne maltrattate sono state in più di una relazione violenta, è anche vero che le donne che escono fuori da una relazione violenta, sono meno propense a entrare in un altro rapporto abusivo. 

3 pensieri su “La bussola della violenza domestica

  1. finalmente si scrive qualcosa sula violenza alle donne sfatando i “miti” ai quali troppe persone preferiscono credere e questo perché é piu comodo e meno doloroso affrontare l’indicibile io ne so qualcosa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...